Storie in musica

Mi chiamo Martina Magionami, dicono che il mio cognome mezzo giapponese sia un po’ difficile da ricordare e lo scrivono sempre strano (davvero lo è più di McConaughey?). Martina è invece un nome abbastanza comune, comunque “La Marti” -per farla breve- è quella lì che probabilmente hai sentito suonare in un pub di Firenze dove organizzano le (o gli?) open mic. Al 99% a suonare da sola ma volentieri anche con amici e con delle meteore musicali, dei musici erranti che ora conducono la loro vita altrove (con o senza musica, non ci è dato saperlo). 
Quello che non dico lo scrivo. E poi lo canto. Racconto di me, di te e pure di chi non c’è.  In equilibrio precario tra ironia e malinconia. Se poi la monotonia mi annienta, ogni tanto compro un nuovo strumento da strimpellare: magari così frustrante da finire in un angolo, oppure così speciale da finire in una registrazione. Nella mia collezione sopravvivono armoniche, un kazoo, una diamonica, una tastierina, una viola, un ukulele, un tin whistle e infine un mandolino. La chitarra (che sia acustica o elettrica) resta comunque il mio strumento principale, il mio terzo braccio, la mia seconda voce, il mio primo vero grande amore, ciò che porterei su un’isola deserta senza indugi. 

Per conoscere i progetti musicali in cui sono coinvolta visita le pagine "MUSICA" e "PROGETTI" .

PS: non ti sei annoiato e hai letto fino in fondo, magari ti sei pure preso la briga di ascoltarmi: ありがとうございます。